Archivum Musicae, Note d'Archivio, Pietro Allori

Riflessioni in musica per il Giovedì e il Venerdì Santo

In occasione del Giovedì Santo 2014 ci è gradito pubblicare l’ Adoro te devote a 5 voci miste (AP 509) eseguito dal coro “Parva lux” di Carnate durante il tradizionale concerto spirituale in preparazione alla Santa Pasqua organizzato dalla Parrocchia della cittadina della Brianza. Questo piccolo gruppo vocale, formato da dodici cantori giovanissimi (8 voci femminili e 4 maschili) è guidato artisticamente da Noemi Borsa.

Breve nota liturgica su “Adoro te devote”

La fine della messa “in coena Domini” del Giovedì Santo prevede la reposizione delle sacre specie in un luogo della Chiesa debitamente preparato perché siano adorate fino a tarda notte e conservate per  la comunione dell’ actio liturgica del Venerdì Santo. Più che un “sepolcro”, come ancora oggi viene considerato, si tratta di una ostensione del tabernacolo che contiene le specie consacrate.
Il solenne “Adoro te devote” di don Allori è un canto di ineffabile adorazione e amoroso abbandono a Gesù nascosto sotto i veli eucaristici e può costituire un momento o atto di fede generosa e una supplica di tenera devozione all’Eucarestia, istituita da Gesù al Giovedì Santo.

***

Stabat mater  Breve riflessione in musica per il Venerdì Santo 2014

Ogni volta che don Allori ha affrontato il testo dello Stabat mater è sempre riuscito ad arricchire l’apparente semplicità strutturale della sua polifonia di nuove e inaspettate emozioni. Ma la piccola composizione scritta per la Via crucis di Gonnesa nel 1948 presenta qualità singolari di comunicativa, per immediatezza e intensità (Vedi Sei battute in giro per l’Europa. Stabat mater).

Recentemente questo brano è stata rivisitato nell’organico dal compositore di Sassari Stefano Garau.

Nella serata conclusiva di Spazio Brahms del 2014 è stata eseguito nella Cattedrale di Alghero dall’ensemble strumentale composto da Annamaria Carroni (flauto), Cristiana Nuvoli (clarinetto), Giovanna Virdis (fagotto), Agnieszka Marucha (violino primo), Alessio Manca (violino secondo), Fabio Lambroni (violoncello) e Francesco Sergi (contrabbasso) e dal Coro composto da I solisti dell’Angelo di Milano e dalla Schola cantorun “Pietro Allori” di Alghero.

Qui presentiamo la registrazione live della “coloratura” realizzata dal compositore di Sassari.

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: