Archivum Musicae, Attività, Coro dell'Università Cattolica di Milano, Note d'Archivio

Mane nobiscum Domine – Bleib bei uns, Herr

Riflessione musicale per la sera di Pasqua 2014

“Rimani con noi, Signore, perché si fa sera» (cfr Lc 24,29). Fu questo l’invito accorato che i due discepoli, incamminati verso Emmaus la sera stessa del giorno della risurrezione, rivolsero al Viandante che si era ad essi unito lungo il cammino. Carichi di tristi pensieri, non immaginavano che quello sconosciuto fosse proprio il loro Maestro, ormai risorto. Sperimentavano tuttavia un intimo «ardore» (cfr ivi, 32), mentre Egli parlava con loro «spiegando» le Scritture. La luce della Parola scioglieva la durezza del loro cuore e «apriva loro gli occhi» (cfr ivi, 31). Tra le ombre del giorno in declino e l’oscurità che incombeva nell’animo, quel Viandante era un raggio di luce che risvegliava la speranza ed apriva i loro animi al desiderio della luce piena. «Rimani con noi», supplicarono. Ed egli accettò. Di lì a poco, il volto di Gesù sarebbe scomparso, ma il Maestro sarebbe «rimasto» sotto i veli del «pane spezzato», davanti al quale i loro occhi si erano aperti”.

Dalla lettera apostolica “Mane nobiscum Domine” di Giovanni Paolo II (Ottobre 2005)

Joseph Rheinberger: Bleib bei uns – Motette für 6-stimmigen gemischten Chor
Coro dell’Università Cattolica diretto da Angelo Rosso
(Festliche Orgeltage im Mosselland 1994 – 5 giugno, Chiesa parrocchiale di Hambuch (Eifel)

Cenni sulla composizione

“In generale, ho più piacere e talento per scrivere le composizioni sacre piuttosto che le altre”

E’ quanto scrisse Josef Gabriel Rheinberger ai suoi parenti nel 1853 quando aveva 14 anni. In effetti questo compositore originario del Liechtenstein – piccolo Stato racchiuso tra la Svizzera (Canton San Gallo e Canton Grigioni) e l’Austria – dedicò  gran parte della sua opera alla musica sacra.

Il mottetto ”Blei bei uns, Herr” (Rimani con noi, o Signore) scritto per 6 voci a cappella fu composto quando  Rheinberger  aveva appena 16 anni, nel 1855, durante i suoi studi a Monaco di Baviera. Questo canto religioso per la sera (Abenlied), ispirato dalle parole del Vangelo di Luca (24,29), impressiona per il suo carattere altamente interiore e meditativo, risultato di un flusso armonico semplice e regolare.

Venne pubblicato a Berlino nel 1873 dall’editore Simrock, ed è l’ultimo dei tre canti religiosi che costituiscono l’op. 69 (gli altri due sono un Morgenlied a 6 voci e un Inno a 5 voci).

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: