Attività

Il piccolo giardino di Casa Allori

Una raccolta zona verde nello spazioso cortile di Casa Allori, costituisce un “piccolo giardino” dove si trovano qualche pianta ornamentale,fiori e diverse erbe profumate. Uno spazio di decoro della casa.

La sua forma quadrangolare, delimitata da muri poco alti, rivestiti dal verde quasi smaltato e macchiato dal bianco dei fiori di gelsomino, delle piante sempreverdi, intrecciate agli arbusti rampicanti delle buganville dai vivacissimi colori viola, unitamente agli effluvi delicati delle diverse erbe presenti nel terreno e nei vasi (menta, basilico, marialuisa, finocchietto, rosmarino, salvia) costituisce un vero e proprio luogo di conforto che nelle ore serali dispensa atmosfere di intensa serenità sino a diventare anche angolo che invita a un personale “percorso di memoria” che induce a riscoprire i momenti più “affettivi” del passato.

Un piccolo spazio, così ornato, ben esprime quel senso di armonia ideale che deve sussistere tra natura e storia personale, e può assolvere, come è stata per la famiglia Allori, anche a una funzione spirituale e a testimoniare un singolare senso religioso della vita.

Ma entriamo nel piccolo “orto”.

Il delicato profumo del gelsomino, soprattutto nel mese di maggio, avvolge l’aria di questo “chiostro” in cui si trovano piante e fiori di dolcissima memoria. Il gelsomino, in Casa Allori, è stato il fiore sempre associato all’immagine della Vergine Maria poiché fiorisce nel mese di maggio e per il suo colore bianco che evoca candore e purezza. La grazia e l’eleganza del gelsomino, in Casa Allori, sono state sempre associate a quelle delle magnifiche rose che sbocciano copiose in una pianta antica (seminata nel 1921) che ancora oggi pare non volersi mai stancare di fiorire.

Anche la rosa, generalmente, viene associata all’immagine della Vergine Maria. Nella devozione popolare cristiana il tema della “Madonna della rosa” ha ispirato splendide raffigurazioni artistiche che mostrano il Bambino Gesù, sorretto dalla Madre, che tiene in mano delle rose.

Quando arriva la calda estate, in un angolo, si fanno notare i girasoli: la loro presuntuosa postura, che sembra voler sfidare il sole (da qui la loro denominazione), raccomanda il giusto rispetto e la giusta attenzione verso l’autorità naturale virtuosa, come è appunto il sole.

I gigli, quando spuntano in estate, vengono a trovarsi in linea diagonale con i girasoli. Anch’essi sono simbolo di purezza nonché allegoria di bellezza e emblema di nobiltà. (Figura araldica di Firenze e dei reali di Francia). La presenza dei gigli conferisce all’orticello perciò una sua“luce” di nobiltà.

Ma è la presenza delle piante di melograno ad attirare lo sguardo di chi osserva con attenzione il vasto cortile di Casa Allori. La loro magnifica fioritura, punteggiando di rosso il verde intenso delle piante, conferisce una dimensione importante all’ampio tessuto verde diffuso nel cortile.

È l’albero che più si appropria all’“hortus conclusus” di Casa Allori, il cui significato va ricercato, dato il vissuto intensamente religioso della famiglia, nell’interpretazione del passo del Cantico dei cantici che così recita: “I tuoi germogli sono un giardino di melagrane, con i frutti più squisiti”.

Questi frutti sono simbolo di prosperità e fertilità ed esprimono anche l’immagine di unità nella diversità. Per questo, il significato della raffigurazione allegorica del melograno nelle pitture artistiche è quello della Chiesa, capace di unire in una sola fede molti popoli e culture.

Ma l’immagine del melograno viene percepita anche come segno di concordia nelle comunità come la famiglia, le associazioni, suggerendo l’idea di saldezza nell’amicizia.

C’è però un altro arbusto che si fa largamente notare per la sua esuberanza: il rosmarino (rugiada del mare, o anche rosa del mare). Il rosmarino evoca la felicità e il suo profumo richiama quello dell’incenso, simbolo di regalità e della divinità di Gesù. Ma in molte culture è anche simbolo di immortalità, di sincerità e di buon auspicio, e in grado di influenzare beneficamente sia il corpo che gli stati d’animo.

Accanto al rosmarino, in Casa Allori troviamo la pianta della salvia ( da “salvus” che significa “sano”). Le foglie hanno un mirabile colore verde chiaro che tende all’argento e il suo profumo, per intensità, gareggia alla pari con quello del rosmarino.

La salvia è, secondo una leggenda cristiana, la sola pianta che, su richiesta di Maria, non ebbe timore, a differenza di tante altre, di proteggere (nascondere) Gesù durante la fuga in Egitto quando i soldati di Erode erano in procinto di trovarlo per ucciderlo. La Madonna benedisse la salvia dicendo: “Tu sarai la pianta di tutti gli orti, i malati ti cercheranno per guarire, i sani per cucinare cibi e aromatizzare le bevande. Tutti ti rispetteranno e ti proteggeranno come la pianta più utile che ci sia sulla terra”.

Come si può facilmente evincere, il piccolo “orto” di Casa Allori è stato vissuto come un vero e proprio giardino dedicato a Maria. Grande è stata la devozione di tutti i componenti la famiglia Allori verso la Madonna, come ho già scritto in una “Nota d’Archivio” nel mese di settembre 2013 in occasione della visita di papa Francesco al Santuario di Bonaria a Cagliari.

Ancora oggi le piante, gli arbusti, i fiori e le erbe che vi si trovano sono viva testimonianza della semplice e sincera devozione per la Vergine Maria, il Bambino Gesù e gli angeli e dell’amore per la Chiesa vissuti in Casa Allori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un’ultima curiosità.

Qualche anno prima di morire, le sorelle di don Allori, Chiarina e Ermelinda, attente artefici dell’equilibrio del “piccolo orto”, decisero di privarsi del maestoso oleandro cresciuto nell’angolo estremo del cortile che dà verso la stradina del vicolo. Divenuto alto e grosso, non permetteva la crescita di piante e fiori sia vecchi che nuovi. Il sacrificio di quell’albero, con i suoi fiori rosa e dal profumo inebriante, significò, per quanti come me e i miei fratelli, ma soprattutto per don Allori, che da giovanissimi avevamo vissuto le ore estive più spensierate e laboriose, non riuscire più a “respirare” pienamente l’atmosfera tipica dell’estate di Casa Allori che era costituita, soprattutto all’imbrunire, dai cinguettii litigiosi dei passeri reduci dalle loro scorribande diurne nelle vicine campagne e che in quell’oleandro trascorrevano tranquilli la notte. Anch’essi vennero privati di quel simbolo di baldanza naturale e di delizia familiare fatta di profumi, di colori e di intensa armonia di affetti.

Infine

Come è facile notare un “piccolo orto” può rivestirsi di un significato simbolico, e attraverso le varie tipologie delle piante presenti considerarlo come un “giardino dello spirito”, per cui assume un significato più profondo che va al di là della semplice osservazione delle piante presenti e sottolineare la religiosità che pervade una data vita quotidiana.

Angelo Rosso

Lo spazio verde qui descritto, ha ispirato l’allestimento dell’esposizione che l’Associazione artistico culturale ‘Pietro Allori’ ha realizzato all’interno di una delle sale del municipio di Iglesias in occasione di Monumenti aperti 31 maggio – 1 giugno 2014

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: