Archivum Musicae, Attività, Note d'Archivio, Pietro Allori, Wilhelm Krumbach

Sulla festa del Natale

I prodigi avvenuti nella nascita

«Appena venuto al mondo il Messia, un coro di angeli disceso sulla capanna fa’ risuonare tutta l’aria di quel bellissimo cantico Gloria a Dio nel più alto de’ cieli, e pace in terra agli uomini di buona volontà. Un angelo apparve ai pastori veglianti sul loro gregge, nei dintorni di Betlemme, annunciando loro la nascita del Salvatore, e invitandoli a recarsi alla sua capanna per presentargli i propri ossequi.

Una stella di nuova luce apparve nel cielo nelle parti dell’Oriente e servì di guida ai Re Magi per condurli all’adorazione del Messia che, giusto l’oracolo di Balaam, sarebbe nato allora appunto che (e come) un astro di splendore non più veduto sarebbe comparso nel cielo.» (dal Manuale di Filotea di Giuseppe Riva – Milano 1803–1876 – penitenziere del Duomo di Milano)

Il racconto di quella notte ha ispirato mirabili composizioni poetiche e musicali. L’Archivio musicale dell’Angelo di Milano ha scelto di far risuonare davanti al “suo” ideale presepe del 2014 alcune composizioni vocali e strumentali eseguite durante il concerto di Natale del 1998 dal Coro dell’Università Cattolica diretto da Angelo Rosso e dall’organista Wilhelm Krumbach. Il tropo Quem quaeritis tratto dal processionale della Chiesa novarese (sec. XIV), Es wird ein Stern aus Jakob aufgehn (Una stella sorgerà da Giacobbe) tratto dall’oratorio incompiuto di Felix Mendelssohn Bartholdy Christus, il mottetto Omnes de Saba e pastorali organistiche tratti dalle raccolte corali e strumentali di Pietro Allori che si ispirano ai prodigi della nascita del bambino di Betlemme. Si è voluto arricchire l’ascolto anche con alcune pagine di Max Reger (corale organistico Wie schon leuchthet der Morgestern e di Josef Rheinberger (mottetto per l’Avvento a 4 voci miste Prope est Dominus).

Le pagine organistiche sono state eseguite sul Truhenorgel (organo cassapanca), mirabile strumento dai suoni nitidi e chiari su cui Wilhelm Krumbach ha fissato magistrali interpretazioni. Chi ascolta ponga attenzione agli accompagnamenti su basso cifrato del canto spirituale Ich steh’ an deiner Krippen hier di Johann Sebastian Bach, tratto dalla raccolta Schemelli, e dell’Andante della Sonata in la maggiore n° 2 per violino e basso continuo BWV 1015 (violinista Franzjosef Maier). Tutti i brani sono registrazioni live effettuate nell’Aula Magna dell’Università Cattolica di Milano.

Nota
Nel 2015 ricorrono il 30° della morte di don Allori e il 10° della morte del prof. Krumbach, due musicisti legati da profondissima stima umana e artistica nel nome della musica sacra.
Sono già stati programmati diversi momenti musicali nelle sedi in cui hanno lasciato una indelebile impronta artistica e spirituale: la basilica di sant’Ambrogio di Milano, la cattedrale di Iglesias, la chiesa parrocchiale di Gonnesa e la cattedrale di Alghero. Le commemorazioni prenderanno avvio proprio dalla cattedrale di Alghero nell’ambito della V edizione di Spazio Brahms (19 – 21 febbraio 2015). Sabato 21 febbraio (ore 18,30) il vescovo di Alghero-Bosa Mauro Maria Morfino, nelle celebrazione prefestiva della I Domenica di Quaresima, ricorderà la figura di don Pietro Allori sacerdote e musicista e i Coristi dell’Angelo, unitamente a quelli della Schola cantorum “Pietro Allori” di Alghero e a quelli del Gruppo vocale “don Allori” di Iglesias, intoneranno alcuni brani del maestro di cappella della cattedrale di Iglesias.
Gli stessi gruppi vocali prenderanno parte alla veglia e alla celebrazione eucaristica in programma il 4 e 5 agosto 2015 presso la cattedrale di Iglesias e alla tradizionale Festa di S. Cecilia (domenica 22 novembre alle ore 17) presso la chiesa di Gonnesa, che vide i primi passi dell’itinerario spirituale e artistico di don Allori.
Particolare significato, sotto il profilo sia musicale sia ecclesiale, ha la commemorazione ufficiale di don Allori e Wilhelm Krumbach che avrà luogo a Milano nella basilica di sant’Ambrogio giovedì 12 marzo 2015 alle ore 21.
Brani corali e organistici di assoluta rilevanza musicale saranno interpretati dai Coristi dell’Angelo di Milano e dall’organista Alessio Corti: Sonata VI per organo, Trauergesang e corali a 4 voci di Mendelssohn; Introito organistico e Lapidabant Stephanum a 4 voci, trascritti da Wilhelm Krumbach, di Christian Erbach (1570 – 1625); brani organistici di Johannes Brahms e Max Reger; mottetti a cappella di Friedrich Ritter (1808 – 1879), Albert Becker (1834-1899), Heinrich von Herzogenberg (1843 – 1900). Di Pietro Allori sono stati prescelti due tra i brani più importanti del suo vasto repertorio corale: il Tristis est anima mea (in modo dorico) a 4 voci scritto nel 1979 e il più noto Christus factus est a 4 voci, scritto nel 1983 e dedicato al prof. Wilhelm Krumbach.

 

dal concerto di Nalate del 1998

Il dramma liturgico può essere definito come la più antica forma di teatro musicale.
Nacque nel IX secolo dalla pratica dei tropi d’inquadramento, ossia dalla consuetudine di anteporre all’Ufficio vero e proprio dei brevi brani con lo scopo di “inquadrare”, di spiegare ai fedeli il significato della liturgia che di lì a poco si sarebbe celebrata.
Per questo motivo i primi tropi d’inquadramento riguardarono le celebrazioni più importanti dell’anno liturgico (Pasqua e Natale su tutte).
Il testo gregoriano che subì le prime interpolazioni – da parte dei musici di S. Gallo – fu quello dell’Introito della Messa di Natale. Tuttavia, in questa fase le aggiunte al testo – una domanda Quis est iste puer…? (Chi è questo bambino…?) cui segue una lunga, circostanziata risposta – portarono soltanto a un dialogo che si svolgeva tra due parti del coro.
Il modello del Quem quaeritis tropato diede origine ad altri tropi di carattere drammatico. Come l’introito della messa di Pasqua fu preceduto dal tropo Quem quaeritis, così anche l’introito della messa di Natale accoglierà un Quem quaeritis adeguato al contesto della nascita.

 

Quem queritis in praesepe (Tropo gregoriano prima dell’Introito “Puer natus”)

 

– Quem quaritis in presepe, pastores, dicite? –
Chi cercate nel presepe, ditelo, o pastori?

 

– Salvatorem Christum Dominum, infantem
pannis involutum secundum sermonem angelicum.
– Il Signore e salvatore Gesù Cristo, un pargolo
avvolto tra fasce secondo la parola dell’angelo.

 

– Adest hic parvulus cum Maria matre sua,
de qua dudum vaticinando Isaias dixerat
propheta: «Ecce, virgo concipiet, et pariet
filium». Et nunc euntes dicite, quia natus est.
Alleluia, alleluia.
È qui il piccino con Maria, sua madre, a proposito
della quale il profeta Isaia da tempo aveva
predetto: «Ecco, una vergine concepirà e partorirà
un figlio». Ora andate e dite a tutti che egli è nato.
Alleluia, alleluia.

 

– Iam vere scimus Christum
natum in terris, de quo capite omnes cum
propheta, dicentes.
– Adesso sappiamo bene che Cristo è nato in terra.
Pensando a lui cantate tutti e dite con il profeta Isaia.

 

Introito della terza Messa di Natale

 

Puer natus est nobis, et filius datus est nobis,
cuius imperium super humerum eius.
Et vocabitur nomen eius, magni consilii angelus.

 

Un bambino è nato per noi, un figlio ci è stato
donato: egli avrà sulle spalle il potere. Il suo nome
sarà messaggero e consigliere ammirabile.

 

Geburt Christi (Nascita di Cristo) (da Christus, oratorio di Felix Mendelssohn)

 

Es wird ein Stern aus Jakob aufgeg’n
Und ein Scepter aus Israel Kommen.
Es wird ein Stern aus Jakob aufgeg’n
Der wird zerschmettern Fürsten und Städte.
Wie schön leuchtet der Morgenstern!
O welch ein Glanz geht auf vom Herrn,
Uns Licht und Trost zu geben!
Dein Wort, Jesu, ist die Klarheit,
Führt zur Wahrheit und zum Leben.
Wer kann dich genug erheben?

 

Sorgerà una stella da Giacobbe
E uno scettro verrà da Israele.
Sorgerà una stella da Giacobbe,
che annienterà principi e città.
Come bella risplende la stella del mattino!
Oh quale splendore si leva dal Signore
Per dare a noi luce e consolazione!
La tua parola, o Gesù, è la luce,
e porta alla verità e alla vita.
Chi può esaltarti a sufficienza?

 

Ich steh’ an deiner Krippen hier (canto spirituale di Johann Sebastian Bach per soprano e organo)

 

Ich steh’ an deiner Krippen hier,
o Jesulein, mein Leben;
Ich stehe, bring und schenke dir,
Was du mir hast gegeben.
Nimm hin, es ist mein Geist und Sinn,
Herz, Seel und Mut, nimm
Alles hin und laβ dir’s wohlgefallen.
Ich lag in tiefster Todesnacht,
Du wurdest meine Sonne,
die Sonne, die mir zugebracht Licht,
Leben, Freud und Wonne.
O Sonne, die das helle Licht
Des Glaubens in mir zugericht’,
Wie schön sind deine Strahlen!

 

Io mi presento alla tua capanna,
piccolo Gesù, vita mia;
io mi presento e ti porto in dono
ciò che mi hai donato tu.
Accettalo, ecco il mio spirito e i miei sensi,
il cuore, l’anima e il coraggio,
che spero ti siano graditi.
Io giacevo nella più oscura notte di morte,
tu sei stato il mio sole che mi ha dato luce,
vita, gioia e conforto.
Tu, mio sole, mi hai portato la luce della fede,
e quanto radiosa è la tua sembianza!

 

Prope est Dominus (mottetto d’Avvento di Gabriel Rheinberger)

 

Prope est Dominus omnibus invocantibus eum,
omnibus qui invocant eum in veritate,
laudem Domini loquetur os meum,
et benedicat omnis caro nomen sanctum eius.
Alleluia. Veni, Domine, et noli tardare!
Relaxa facinora plebis tuae Israel.

 

Il Signore è propizio a tutti coloro
che nella verità lo invocano,
sulla mia bocca sempre la sua lode,
e ogni creatura benedica il suo santo nome.
Alleluia. Vieni, o Signore, non tardare più!
Abbi pietà dei peccati del tuo popolo.

 

Omnes de Saba (graduale dell’Epifania di Pietro Allori)

 

Omnes de Saba venient, aurum et thus deferentes
et laudem Domino annuntiantes.
Surge, et illuminare, Ierusalem:
Quia Gloria Domini super te orta est.

 

Tutti verranno da Saba, recando oro e incenso
E proclamando le gloria del Signore.
Sorgi, Gerusalemme, e sii raggiante:
poiché la gloria del Signore sfolgora sopra di te.
Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: