Archivum Musicae, Pietro Allori

La festa di santa Cecilia a Gonnesa. Ieri e oggi

 

Il canto a 4 voci Tu volesti o Signore la lode, inno di santa Cecilia, venne composto da don Allori il 29 giugno del 1965, festa dei santi Pietro e Paolo – allora festa di precetto – giorno in cui venne consacrato sacerdote don Giampaolo Rosso. Il 4 luglio don Gianpaolo cantò la sua prima Messa nella chiesa parrocchiale di Gonnesa  e il coro formatosi per l’occasione – che qualche mese dopo prenderà il nome di Polifonica Vivaldiana – al termine della messa intonò per la prima volta l’inno di s. Cecilia che poi risuonerà più volte nella parrocchia di Gonnesa.

Foto (Archivio Casa Allori) Il coro parrocchiale di Gonnesa mentre esegue domenica 4 luglio del 1965 l’inno di S. Cecilia

Foto (Archivio Casa Allori)
Il coro parrocchiale di Gonnesa mentre esegue domenica 4 luglio del 1965 l’inno di S. Cecilia

Il 1965 è l’anno in cui don Allori compone anche i 5 canti per la Messa letta su testi del padre gesuita di Cuglieri Giuseppe Nesle, lo stesso autore dell’inno Tu volesti o Signore e del piccolo oratorio S. Cecilia, per soli, coro e organo musicato da don Allori sempre nello stesso anno.

Il sodalizio artistico tra il poeta gesuita e il maestro di cappella della Cattedrale di Iglesias registrò il momento più creativo.

Dominante fu la figura di santa Cecilia, tanto da indurre don Allori, cultore raffinato anche di pittura, a commissionare al padre benedettino Bonifacio -pittore  del Monastero di San Pietro di Sorres,  al secolo Lorenzo Salice – il quadro della patrona della musica e dei musicisti che si trova oggi in Casa Allori, qui riprodotto.

Lorenzo Salice (p. Bonifacio): S. Cecilia “Virgo gloriosa semper Evangelium Christi gerebat in pectore suo”, composizione di Bonifacio o.s.b. per il molto reverendo can. don Pietro Allori

Lorenzo Salice (p. Bonifacio):
S. Cecilia “Virgo gloriosa semper Evangelium
Christi gerebat in pectore suo”,
composizione di Bonifacio o.s.b.
per il molto reverendo can. don Pietro Allori

Negli anni successivi, sino al 1968, la Polifonica Vivaldiana nella chiesa parrocchiale di Gonnesa, al 22 novembre, ha continuato a  intonare come canto finale della Messa in onore di S. Cecilia, l’inno composto da don Allori nel 1965. Messa che coinvolgeva tutta la comunità parrocchiale nonostante l’orario della celebrazione fosse in tarda serata (ore 19). Qui di seguito due momenti fotografici di quegli anni.

 Foto (Archivio Casa Allori) La Polifonica Vivaldiana al termine della Messa di S. Cecilia – mercoledì 22 novembre 1967 Nel gruppo il parroco don Angelo Crobu e il viceparroco don Salvatore Corongiu

Foto (Archivio Casa Allori)
La Polifonica Vivaldiana al termine della Messa di santa Cecilia
mercoledì 22 novembre 1967
Nel gruppo il parroco don Angelo Crobu
e il viceparroco don Salvatore Corongiu

Foto (Archivio Casa Allori) La Polifonica Vivaldiana durante l’esecuzione del “Domine Deus rex coelestis” tratto dal “Gloria”di Antonio Vivaldi Messa di S. Cecilia 22 novembre 1967

Foto (Archivio Casa Allori)
La Polifonica Vivaldiana durante l’esecuzione del “Domine Deus rex coelestis” tratto dal “Gloria”di Antonio Vivaldi
Messa di S. Cecilia 22 novembre 1967

Pietro Allori, Corale  per organo o armonio  AP 1143  e Ingresso I tuoi figli o Signore AP 300a (Canti per la nuova liturgia, 1965); Gonnesa, messa del 5 agosto 2010 – Gruppo vocale “don Allori” di Iglesias

Pietro Allori, Kyrie (Ordinarium Missae) AP 450 (da 100 composizioni vocali sacre in latino, 1981); Milano, Cappella Sacro Cuore – Università Cattolica; registrazione del 31 gennaio 1998 – Coro dell’Università Cattolica

La festa di santa Cecilia ai giorni nostri

Foto: Chiesa parrocchiale di Gonnesa 21 novembre 2014 Messa di Santa Cecilia celebrata da don Francesco Lai, parroco di Nebida e organista titolare della Cattedrale di Iglesias

Foto: Chiesa parrocchiale di Gonnesa 21 novembre 2014
Messa di Santa Cecilia celebrata da don Francesco Lai,
parroco di Nebida e organista titolare della Cattedrale di Iglesias

Dal 2009, anno in cui la Chiesa parrocchiale di Gonnesa ha ripreso a venerare la santa patrona della musica,  i canti polifonici composti da don Allori vengono eseguiti dal Gruppo vocale “don Allori” di Iglesias.

Tradizionale momento artistico culturale in Casa Allori (via Gramsci 158) dopo la messa di s. Cecilia

Tradizionale momento artistico culturale
in Casa Allori (via Gramsci 158)
dopo la messa di s. Cecilia

 

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: