Attività

CASA ALLORI 2018

Nel 93° anniversario della nascita
di don Pietro Allori 
(Gonnesa, 18 maggio 1925 – Iglesias, 31 marzo 1985)

Giovedì 17 maggio 2018 alle ore 19,30 – Casa Allori

 

Alla vigilia del 93° anniversario della nascita di don Allori, la cittadina di Gonnesa, per iniziativa della Parrocchia e dell’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Archivio musicale dell’Angelo di Milano, ad un anno esatto dalla dedicazione di una delle sue piazze al sacerdote-musicista, intende ricordare la figura del suo “dotto cittadino” ponendo l’accento sulla particolare devozione che don Pietro coltivò in seno alla famiglia per San Giuseppe. Ne sono testimonianza le diverse composizioni che egli creò per celebrare il Beato sposo di Maria.

Durante l’incontro in Casa Allori ci si soffermerà sulla Messa Ite ad Joseph (Andate da Giuseppe) che è stata eseguita per la prima volta nella chiesa parrocchiale di Gonnesa per la Festa di S. Cecilia del 1968 dalla Polifonica Vivaldiana. Dopo quella esecuzione solo il Sanctus e il Benedictus sono stati cantati durante le messe di alcuni convegni dei cori liturgici a San Pietro di Sorres e delle messe celebrate in onore di S. Cecilia nella Chiesa S. Andrea di Gonnesa al 22 di novembre.

Nel momento di Casa Allori verranno meglio circostanziati i motivi dell’importanza musicale e umana di questa composizione a 4 voci dispari e organo che il giorno dopo, finalmente, approderà nella Cattedrale di Iglesias per la quale era stata ultimata il 27 gennaio del 1968.

Verrà infatti cantata durante la Messa del genetliaco (Venerdì 18 maggio, Cattedrale di Iglesias ore 18,30) dal Gruppo vocale “don Allori” di Iglesias sotto la direzione di Angelo Rosso coadiuvato all’organo da don Francesco Lai, organista titolare della Cattedrale di Iglesias.

Un opuscolo informativo verrà messo a disposizione degli Amici di Casa Allori che vorranno essere presenti a questa particolare commemorazione.

Casa Allori – Gonnesa (via Gramsci 158)

Pietro Allori, Sanctus-Benedictus (Missa Ite ad Joseph AP 654 a 4 voci miste con organo)

San Pietro di Sorres – Convegno “Musica e Liturgia 2012”
Santa Messa  18 agosto  celebrata dall’ Arcivescovo di Cagliari, Arrigo Miglio
Alessio Corti, organo

 

IUSTUS UT PALMA

Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria, è uomo giusto, proveniente dalla stirpe di Davide ed ebbe il ruolo di padre per il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che gli fu sottomesso come un figlio deve essere sottomesso al proprio padre.

La Chiesa lo onora specialmente come patrono, in quanto Dio stesso lo costituì custode della sua famiglia. Pio IX istituì il culto perpetuo di san Giuseppe il 30 gennaio 1859 proclamandolo patrono della Chiesa universale nel dicembre del 1870.

Oltre ad essere il nome più usato in assoluto in tutto il mondo, anche il suo culto è enormemente diffuso e gli altari a lui dedicati sono quasi sempre contrassegnati dalla scritta “ITE AD JOSEPH” (andate da Giuseppe) il cui senso profondo sta a significare che chi si rivolge a lui, uomo giusto davanti a Dio, non viene deluso.

La Chiesa a partire dal 1956 lo ricorda nell’anno liturgico, non solo al 19 di marzo ma anche al 1° maggio come artigiano nel giorno della festa del lavoro. Giuseppe viene sempre indicato come “falegname”; di fatto il Vangelo di Matteo (13,55) lo dice in greco “tecnon”, cioè costruttore edile, carpentiere.

I lavoratori cristiani lo prendono come esempio e protettore della famiglia, di colui che col suo lavoro sovvenne a tutte le necessità di Maria e di Gesù, e che iniziò alle fatiche umane, il Figlio di Dio.

Il giglio di campo (Mt 6,28) è il fiore che si addice a Giuseppe, ovvero un fiore collegato al totale affidamento a Dio.

Tutti questi tratti furono ben familiari ai componenti di Casa Allori, ma soprattutto sollecitarono nel tempo l’estro compositivo di don Pietro che alla festività liturgica di San Giuseppe attribuì grande rilevanza per la sua devozione personale e come occasione per dedicare importanti e significativi brani musicali a persone da lui stimate e degne di riverenza.

L’esempio dell’Ecce sacerdos composto il 19 marzo del 1964 e dedicato a S.E. mons. Enea Selis in occasione della nomina a vescovo ausiliare di Iglesias.

Il 19 marzo del 1964, Festa liturgica di San Giuseppe, don Pietro Allori compone il primo dei due Ecce sacerdos magnus dedicati a S. E. mons. Enea Selis, appena nominato vescovo ausiliare di Iglesias. Scritto per 4 voci miste a cappella, il suo contenuto musicale rivela nell’incipit la perentorietà dell’espressione “Ecce sacerdos magnus”, sottolineata dai salti di ottava nelle quattro voci, cui segue una calma “affettuosa” nella ripetizione del “placuit Deo” caratterizzata da una scala melismatica del basso alla parola “Deo” che precede il rallentato di una cadenza dolce e quieta.

Nella seconda parte del mottetto alla parola “crescere”, ripetuta due volte, il brano diventa altamente maestoso e solenne per passare subito dopo a un dolce clima pastorale quando il coro canta “in plebem suam”.

Questo omaggio di don Allori al nuovo vescovo fu l’inizio di un reciproco sentimento di profonda stima spirituale e umana. Don Enea al ricordo di don Allori, morto prematuramente, continuava a commuoversi fino alle lacrime.

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: