Attività

La chiara voce tenorile di don Francesco

La chiara voce tenorile di don Francesco Lai – organista della cattedrale di Iglesias che anche quest’anno ha celebrato la Santa Messa in onore di santa Cecilia nella chiesa parrocchiale di Gonnesa – risuona forte e decisa prima di benedire lo stendardo scaturito dalle mani abilissime di Roberta Argiolas, la ricamatrice iglesiente già da anni artefice di finissime creazioni appositamente per Casa Allori a Gonnesa:

Lo stendardo di santa Cecilia davanti all’altare prima della benedizione (chiesa parrocchiale di Gonnesa – 22 novembre 2018)

Ti benediciamo, Signore,
perché hai voluto arricchire
dei doni dello Spirito santa Cecilia,
che è proposta alla comune venerazione
attraverso questa immagine.

Subito dopo, mentre il sacerdote asperge e incensa il labaro, il Gruppo vocale “Pietro Allori” di Iglesias intona l’inno a tre voci Jesu corona virginum tratto dalla raccolta “30 composizioni vocali sacre in latino” creata da don Allori nel 1983.

Risuonano assai dolci le parole della seconda strofa:

«Tu che incedi tra i gigli, circondato da vergini danzanti, sposo splendente di gloria, doni alle spose il premio eterno».

Parole che diversi studiosi attribuiscono a sant’Ambrogio – colui che introdusse l’inno nella liturgia della Chiesa d’Occidente – e che delineano con eleganza l’immagine che la Chiesa da secoli intona nelle festività delle Sante Vergini: l’immagine di Cristo che nel giardino del Paradiso incede tra i gigli (pergit inter lilia, Cant. 2, 16), contornato dalle danze delle Vergini (septus choreis Virginum, Ger. 31, 13; Ap. 14, 4), elette sue compagne per tutta l’eternità.

Immagini tratte dal Cantico dei Cantici e dall’Apocalisse.

E su un passo dell’Apocalisse don Francesco aveva incentrato la sua omelia, ricca di intense e pregnanti considerazioni.

Lo stendardo di santa Cecilia realizzato da Roberta Argiolas per Casa Allori

Lo stendardo di santa Cecilia realizzato da Roberta Argiolas per Casa Allori

L’immagine centrale dello stendardo si ispira al dipinto Santa Cecilia e l’angelo (1610) di Carlo Saraceni (Venezia, 1585 -1625). «Sono rimasta incantata – scrive Roberta – dallo sguardo amorevole che si scambiano i due protagonisti: santa Cecilia e l’angelo, sembra quasi vogliano abbracciarsi affettuosamente. Ho collocato le canne dell’organo di Gonnesa alle spalle delle due figure per rendere il disegno il più familiare possibile alla vita quotidiana di Casa Allori i cui componenti, frequentando ogni giorno la chiesa parrocchiale, vivevano come una “loro” voce il bel suono dell’organo “Cavalli”. Ho usato il ricamo sul tulle con una rete finissima intrecciata di fili di cotone come base su cui ho “intessuto” con l’ago i fili di seta colorata. Ho scelto la seta per dare una luce gioiosa al tutto. Il ricamo è incorniciato sul crespo rosso di seta su cui ho applicato il disegno e ricamato rami di gelsomino, il fiore famoso per il suo intenso profumo (dal persiano yāsamīn, fiore profumato) e che è simbolo di amabilità e modestia nonché di memoria (ricordo) dei propri cari. È da sempre considerato un fiore delicato, dolce, gentile e bello.»

Nel piccolo giardino di Casa Allori il gelsomino compare sin dall’origine della casa negli anni ’20 del secolo scorso. A curarlo sempre, sin quando è stata in vita, la primogenita di Casa Allori, Chiarina, che aveva per il gelsomino e per la marialuisa o erba Luisa (cedrina o Aloysia citriodora) una particolare attenzione. È il fiore che sboccia in maggio, è abitualmente bianco ed è associato, come nel caso del giardino di Casa Allori, alle rose e al culto mariano. E la devozione per la Beata Vergine è stata sempre forte e costante in tutti i componenti la famiglia, a partire da nonna Maria sino a don Pietro che ha composto tanti testi liturgici e devozionali in onore della Madre di Gesù, alcuni dei quali come Ave maris stella, Virgo virginum praeclara e Beata Dei genitrix sono di vero pregio artistico.

Anton Bruckner, Locus iste (Coro dell’Università Cattolica di Milano – chiesa parrocchiale di Gonnesa, 3 novembre 1990)

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: