Attività

Suoni, immagini, simboli della Settimana Santa di Iglesias nell’esperienza artistica di don Allori e Giovanni Marras

La pratica delle tre ore d’agonia di Nostro Signore Gesù Cristo presso la cattedrale di Iglesias era, sino al 1947, anno di chiusura per restauro della chiesa dedicata a santa Chiara, una delle funzioni devozionali più sentite e di maggiore partecipazione popolare. Poteva aver luogo solo nella cattedrale, si svolgeva dalle ore 12 alle ore 15 del venerdì santo ed era articolata in sermoni e letture evangeliche sui temi di Passione intercalati dalle strofe dello Stabat Mater cantato dal popolo su una melodia antica propria della cattedrale di Iglesias, che don Allori il 31 marzo del 1975 elaborò in una polifonia a tre voci miste (AP 309).

Don Allori non fece in tempo ad assistere a questa pratica a Iglesias, ma conobbe questa tradizione attraverso la viva testimonianza del cancelliere della Curia di Iglesias, mons. Luigi Cinesu, con il quale collaborò in veste di vice cancelliere per circa trent’anni, e che aveva predicato per l’ultima volta tale funzione proprio nel 1947. Questa pratica caduta in disuso dovette interessare molto don Allori, sia dal punto di vista religioso sia per l’aspetto musicale, dal momento che egli compose due versioni delle Sette Parole di N.S.G.C. in croce nel 1980 e nel 1983. Opere oggi largamente eseguite sia dalle corali della Sardegna sia da quelle del continente e anche da altri cori di diversi paesi europei.

Giovanni Marras, disegno su carta

Nell’aprile del 1995, in occasione del 10° anniversario della morte di don Pietro Allori, nella basilica di S. Ambrogio a Milano il Coro dell’Università Cattolica eseguì alla presenza dell’allora vescovo di Iglesias, mons. Arrigo Miglio, la versione delle Sette Parole composta nel 1980 scegliendo come immagine di copertina di un elegante e prezioso programma un disegno su carta di Giovanni Marras, artista nato a Iglesias nel 1907 e morto nel 1966; il disegno era stato realizzato per un progetto di affresco per la cattedrale di Iglesias. La scelta dell’immagine di copertina non fu dovuta esclusivamente al soggetto rappresentato che si ricollegava al contenuto musicale liturgico di quel concerto, ma perché questo disegno faceva e fa parte ancora oggi, insieme ad altre opere di Giovanni Marras, dell’archivio di don Pietro Allori (conservato a Gonnesa) ed è ad esso che il compositore s’ispirò nella stesura delle sue Sette parole. Le affinità tra i due artisti non sono solo ambientali. Le parole del critico Nicola Valle, a proposito di alcuni lavori esposti in una collettiva da Marras, potrebbero idealmente descrivere, di Pietro Allori, la costante attenzione all’esperienza umana del pubblico al quale la sua musica si rivolgeva: «[…] queste opere sono maturate in un’atmosfera di lotte, di rinunce, in mezzo a una collettività di cui Marras rievoca gli stenti, gli incubi, il quotidiano malessere, le aspirazioni. Il lavoro dei minatori, degli artigiani, dei contadini, delle massaie, vi è celebrato in slanci generosi di umana solidarietà; c’è l’esaltazione del sacrificio e la denuncia della sofferenza, ma senza il rancore dei vinti. Un sentimento di cristiana speranza e di simpatia sembra circolare in questo mondo oggettivamente in figure e di tipi di gente affaticata, come se ne trovano nel bacino minerario d’Iglesias».

Giovanni Marras, Autoritratto

 

Il clima umano dal quale Marras e don Allori traevano materia e verso il quale rivolgevano le loro attività artistiche è questo. Ma c’è un altro punto di contatto: da un lato abbiamo una composizione scritta per una pratica devozionale decaduta, dall’altro un affresco mai realizzato. E, ancora, suggestiona il fatto che don Allori si riferì a un’immagine, seppure incompiuta, per comporre le musiche di una paraliturgia che prescriveva l’eliminazione di immagini e persino di luce: la cattedrale in semioscurità, drappi neri a coprire le vetrate… le immagini temporaneamente occultate, ma che ci sono e vivono, anche se soltanto nella memoria.

Anche l’ascolto delle Sette parole può contribuire a sollecitare la nostra memoria, capace di alimentare un autentico sentimento di adesione alle corali e commoventi tradizioni popolari della Settimana Santa che, da sempre, nella vita iglesiente costituiscono il fulcro di una vita spirituale e civile affrontata con vera passione di umanità e di forte speranza dai suoi cittadini.

 

 

 

Pietro Allori, Le sette parole di Nostro Signore Gesù Cristo in croce a 4 voci dispari  (Catalogo, AP 853 – 859)

Coro dell’Università Cattolica di Milano, diretto da Angelo Rosso (esecuzione del 7 aprile 1995 nella Basilica di Sant’Ambrogio in Milano)

 

 

1 – Pater, dimitte illis, non enim sciunt quid faciunt.

2 – Amen dico tibi: Hodie mecum eris in Paradiso.

3 – Mulier, ecce filius tuus.

4 – Elì, Elì, lamma sabacthani?

5 – Sitio.

6 – Consummatum est.

7 – Pater, in manus tuas commendo spiritum meum.

Piergiorgio Barranca, Don Pietro Allori

 

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: