Attività

Nel 35° anniversario della morte di don Pietro Allori

Pietro Allori mentre suona nella Chiesa Parrocchiale di Gonnesa (1966)

(da Prima commemorazione della morte di don Allori – Milano, Aula Magna 14 aprile 1985 – a cura del Coro dell’Università Cattolica)

A 60 anni, alle ore 20 della Domenica delle palme del 1985, moriva a Iglesias don Pietro Allori, per trent’anni maestro di Cappella della Cattedrale di Iglesias. Il capoluogo minerario e Gonnesa, suo paese natale, gli rendono omaggio. La cattedrale di Iglesias con il vescovo celebrante è gremita di sacerdoti, adolescenti, giovani e popolo. È presente anche una rappresentanza del coro dell’Università Cattolica di Milano (14 coristi) che esegue durante la Santa Messa alcuni suoi mottetti e responsori. Piangono i suoi alunni delle scuole medie inferiori e del liceo, cui insegnava la religione e ad alcuni di loro anche la musica. Piangono tanti sacerdoti e tutta la numerosissima assemblea è altamente commossa. Gonnesa, con una cerimonia di grande compostezza, gli rende l’estremo saluto. È ancora il Coro dell’Università Cattolica, con la sua elegante vocalità liturgica, che si incarica di conferire al rito delle esequie la cifra artistica e spirituale propria dei brani polifonici composti da don Allori per la “sua” parrocchia. Sono brani tipici della Settimana Santa, tempo liturgico particolarmente caro al compositore: “O crux ave”, “Plange quasi virgo”, “Stabat mater”. Proprio sulle note dello “Stabat mater” del 1948, canto composto per la Via crucis dei venerdì di Quaresima della chiesa di Gonnesa, la salma lascia la Chiesa dedicata a Sant’Andrea.

Lungo il percorso al cimitero, in processione, i sacerdoti cantano il “Miserere” in gregoriano per poi intonare, all’ingresso del cimitero, sempre in gregoriano “In Paradisum deducant te Angeli”.

È il ritorno alla casa del Padre con la musica che don Allori ha profondamente amato e che è stata autentica ispirazione della sua polifonia: il canto gregoriano.

Le ombre della sera cominciano a calare e la giornata si fa quieta e dolce. Alle ore 19 il cimitero di Gonnesa piomba in un profondo silenzio. Un silenzio che invita soprattutto i coristi dell’Università Cattolica a riflettere sull’autenticità che esige il cammino della vera musica sacra. La musica per il culto divino esige genialità, studio, paziente sacrificio, umiltà e soprattutto meditazione della parola di Dio. L’espressione artistica deriva dal Verbo, dalla Parola, da Dio. Questo è l’esempio datoci da don Allori, maestro di cappella della Cattedrale di Iglesias. […]

 

Pietro Allori: Stabat Mater a 3 voci miste AP 29

Coro dell’Università Cattolica di Milano – Chiesa Parrocchiale di Gonnesa

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: