Archivum Musicae, Note d'Archivio, Pietro Allori, Wilhelm Krumbach

Wilhelm Krumbach e il monastero di San Pietro di Sorres

Ricordo di Wilhelm Krumbach

nel 15° anno della morte (25 agosto 2005 – 2020)

 

Nello “spazio spirituale” che il monastero di San Pietro di Sorres, a partire dal 1990 nel mese d’agosto e sino al 2014, ha messo a disposizione di cantori e organisti di chiesa per meditare sull’importanza del ruolo della grande musica nella liturgia attraverso i suoni armoniosi e sapienti interpretati con studio competente, merita un particolare ricordo il momento in cui il prof. Wilhelm Krumbach eseguì la celebre Ciaccona in fa minore di Johann Pachelbel (1653 – 1706). L’insigne musicologo e organista tedesco suonò questo capolavoro del grande compositore di Norimberga sull’eccellente organo meccanico “Tamburini” (1970) dotato di quattordici ben ponderati registri.

Wilhelm Krumbach all’Organo Tamburini di San Pietro di Sorres

Costruita su un tetracordo discendente, la melodia di questa Ciaccona, è di chiara semplicità e le ventidue variazioni che si susseguono ininterrottamente acquistano uno spiccato spessore polifonico denso di variegati e singolari colori armonici.  Schubert, a proposito di questa melodia diceva “essa canta, flessibile, amorosamente seguita dalle ombre di imitazioni dritte o contrarie”

Concisione, semplicità, austerità, eleganza e purezza di suono, sono le caratteristiche preminenti dell’intero brano. Il prof. Wilhelm Krumbach con la sua consueta capacità di chi sa cogliere vertiginosamente l’essenzialità delle partiture organistiche barocche, riuscì in quella serata del 1995 a restituire tutta la dimensione armonica orizzontale e verticale della composizione, nonostante la limitatezza fonica dell’organo.

Chi vorrà ascoltare oggi, attraverso un file MP3 quell’interpretazione, potrà avere la sensazione di essere inondato da una sublime armonia che fa breccia nella mente e nell’animo per effetto della grande tensione emotiva che crea sempre l’ascolto di questa Ciaccona.

Chiesa del Monastero di San Pietro di Sorres (Sardegna)

Ma quella sera, prima dell’ora monastica di compieta, nella suggestiva penombra della bellissima chiesa di San Pietro di Sorres, l’evocazione e la forza iconografica di questa composizione dataci dall’illustre maestro di Landau/Pfalz, fu davvero in proporzione perfetta con l’atmosfera di indescrivibile bellezza propria dello “spazio architettonico-spirituale” protetto con cura e con amore dai monaci benedettini della Sardegna a partire dal 1955.

San Pietro di Sorres – 25 agosto 1995

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: