Archivum Musicae, Note d'Archivio

Hodie scietis: “Sappiate che oggi verrà il Signore e ci salverà: e domani vedrete la sua gloria”.

Memoria di

Gian Nicola Vessia


a un anno dalla morte

quell’Introito della Vigilia di Natale
a lui dedicato da don Allori

 

Hodie scietis

“Sappiate che oggi verrà il Signore e ci salverà
e domani vedrete la sua gloria”.

 

Il testo dell’Introito della Messa della Vigilia di Natale è tratto dal libro dell’Esodo (16, 6-7) e da Isaia (35,4) e fa riferimento alla promessa della venuta del Figlio di Dio. Il rito della Messa vigiliare che don Allori sin da ragazzo aveva vissuto nella sua parrocchia di Gonnesa celebrava la gioia e la grazia di questa “venuta” con il colore dei sacri paramenti violacei, ma già con il suono dell’organo e con gli altari ornati di fiori. L’unico ritornello, ripetuto nelle varie parti della messa con un crescendo di speranza e gioia, è l’annunzio: “Sappiate che oggi verrà il Signore e ci salverà e domani vedrete la sua gloria”.

Sono tanti i brani sia vocali (canto o polifonia) che strumentali (organo, pianoforte e chitarra) composti da don Allori per la Vigilia di Natale. Il clima dolce e intimo di attesa della nascita del Bambino Gesù, era particolarmente consonante con il suo delicato sentimento musicale e perciò l’atmosfera poetica e liturgica della Vigilia ispirò fortemente la sua arte compositiva.

Nel 1981 compose una Raccolta di Introiti polifonici a cappella per i tempi di Avvento, Natale e Epifania. Il quinto di questi è l’Introito della Messa della Vigilia di Natale Hodie scietis, scritto nel tempo di un andante pastorale e nella serena e radiosa tonalità di fa maggiore. Questo brano, accogliendo il suggerimento di Angelo Rosso, direttore del Coro dell’Università Cattolica di Milano, don Allori, con particolare soddisfazione e plauso, lo dedicò al

Dottor GIAN NICOLA VESSIA, maestro del Coro LAUS DEO di Milano, fine interprete della musica ambrosiana e di Franchino Gaffurio, e autore del pregevolissimo saggio su Agostino Donini”, dedico, Pietro Allori.

Gian Nicola aveva grande stima di don Allori e, più volte, tramite Angelo Rosso, gli aveva inviato con dedica, alcune partiture da lui curate e articoli musicali pubblicati sulla Rivista del Duomo di Milano “Terra Ambrosiana”.

Nel 1997, in occasione della festa di S. Cecilia, per le Edizioni musicali “La Bottega discantica” di Milano, Gian Nicola scrisse la presentazione del fascicolo “Pietro Allori: Brevi composizioni organistiche per la liturgia

Non c’è nulla di più coinvolgente che raccogliere “fogli sparsi” ripercorrendo i piccoli e grandi segreti dell’Archivio musicale di Don Pietro Allori a Gonnesa, archivio ancora tutto da esplorare. Da un angolo di Sardegna dove le pietre cambiano colore quando il freddo punge o quando il sole pare spezzare la terra, dall’angolo di un’isola prigione ma caro rifugio di Pietro Allori, (egli in tutta la sua vita vide due sole volte il continente) riemergono queste pagine per organo.

Non sappiamo se siano nate per gli allievi, per subitanea e necessaria ispirazione, per preludiare agli innumerevoli mottetti polifonici dello stesso maestro; sappiamo di certo che la loro coerenza stilistica, il loro misterioso e quasi sorprendente respiro europeo, sta nella finalità di queste pagine, cioè l’ambito liturgico, il periodare musicale durante la celebrazione.

Abbiamo dato a questi pezzi una simbolica collocazione giocando come su una piccola “Orgelmesse”: i due Corali in Mi bemolle, inizio e fine della raccolta, stringono in un’ideale parentesi frammenti e interludi, schizzi e studi, pastorali e versetti.

Alcune pagine avrebbero avuto la loro ideale collocazione in una collana che un significativo Editore del nostro secolo aveva chiamato, decenni fa, “Simplicitas”.

Il mare da superare, la naturale ritrosia, il pensare e vivere monasticamente, le hanno tenute lontane e nascoste.

Oggi le riproponiamo con lo stesso spirito di umile servizio che caratterizza il compito di chi lavora per la liturgia. Come avrebbe voluto Don Pietro Allori.        

Casa Vianini, Gian Nicola e Giovanni

Gian Nicola Vessia, alcuni giorni prima della sua morte (23 dicembre 2019), scrisse importanti note critiche sui responsori della Settimana Santa composti da don Allori in ‘falsobordone’ per i riti della Cattedrale di Iglesias.

È trascorso quasi un anno e per ricordare la sua competenza e il suo infaticabile impegno di “egregius musicus” – così fu ricordato anche don Allori nel XXV anniversario della morte – l’Archivio musicale dell’Angelo pubblica sul suo sito questa nota e il file audio del mottetto Hodie scietis eseguito nella Basilica di S. Ambrogio di Milano dal Coro dell’Università Cattolica il 14 dicembre del 1983.

Pietro Allori
Hodie scietis 
Introito della Vigilia della Natività del Signore
Coro dell’Università Cattolica
(Registrazione nella Basilica di S. Ambrogio a Milano, 1983)

(Exodi 16, 6 et 7) Hodie scietis, quia veniet Dominus
Et salvabit nos; et mane videbitis gloriam eius. (Ps. 23, 1)
Domini est terra, et plenitudo eius: orbis terrarum,
et universi, qui habitant in eo.
Oggi saprete che verrà il Signore e ci salverà:
e domattina vedrete la sua gloria.
Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo e tutti quelli che vi abitano.

Coro dell’U.C. in S. Ambrogio (1983)

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: