Attività

Paesaggi e sonorità natalizie di don Pietro Allori (II)

Nelle armoniose melodie pastorali di don Pietro Allori e nella raffinata xilografia di Giovanni Marras, qui sotto, non è difficile cogliere tutta la sensibilità poetica che la Sardegna riserva alle festività del Natale:

L’Elevazione pastorale in sol maggiore, composta nel 1983, è un omaggio sincero alla grande tradizione delle pastorali italiane che si rifà a Girolamo Frescobaldi, Bernardo Pasquini e Domenico Zipoli, mentre l’Andante pastorale, sempre del 1983, sembra dipingere un quadro natalizio musicalmente adagiato nella riposante e arcadica tonalità di fa maggiore.

Ma a proposito dell’interpretazione di questo Andante pastorale sull’organo-cassapanca Oberlinger (Truhenorgel) – che state ascoltando – ci piace far notare come l’organista tedesco, professor Wilhelm Krumbach*, nella seconda parte del brano sia riuscito a cogliere l’intenzione più profonda di don Allori, ossia l’idea di un divertimento musicale suonato da un pastorello sardo, durante una sosta della sua giornata in campagna, con su sulittu pipiolu – detto anche più comunemente “zufolo di canna”-  uno strumento a fiato conosciuto in tutta l’isola e chiamato in maniera diversa a seconda delle zone della Sardegna. Si tratta dell’antichissimo zufolo del pastore che, da sempre, e da bambino, con le proprie mani ne costruisce diversissimi esemplari. Il bellissimo registro flauto di 4’ del piccolo organo portatile tedesco, usato come ‘solo’ dal musicologo di Landau, evoca in maniera straordinaria un’ipotetica melodia natalizia di un pastorello zufolatore nelle campagne sarde.

Un aspetto della vita quotidiana della Sardegna, quello dell’ambiente pastorale, assai caro a don Allori a giudicare dalle diverse composizioni per vari strumenti che egli ha composto: Gregge bianco AP 1268, Pastores AP1444, Passeggio del gregge AP 1510, Nuraghe arcanu AP 1342 per chitarraVoci pastorali AP 1022, Vigilia di Natale AP 889, Sogno di Natale AP 896, per pianoforte, tanto per citarne alcune.

*Wilhelm Krumbach, organo (esecuzione sul Truhenorgel Oberlinger (1983) – concerto natalizio del 14 dicembre 1998 – Aula Magna dell’Università Cattolica di Milano)

Biadu! chie ndi gosat su lugore

Beato chi gode di questo chiarore

Natività

In questa Natività (1930) dello xilografo iglesiente Giovanni Marras, le cui opere hanno ispirato significative composizioni musicali di don Pietro Allori, il chiarore (lugore) tenuamente  diffuso nello spazio domestico di una cucina della casa di un pastore sardo, ci dà la percezione della dolce luminosità che la nascita di Gesù a Betlemme dona alle menti e ai cuori di ciascuno in ogni angolo della terra.

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: