Attività

VOCI SOMMESSE

50 anni fa, nell’autunno del 1972, don Allori componeva

nel suo studio di via Satta, ad Iglesias,

questo elegante pensiero musicale per chitarra.

L’Archivio musicale dell’Angelo pubblica

sul suo sito, oggi 25 ottobre 2022,

il fac-simile della partitura originale:

Disegno di Luciano Zoppo (Pittore iglesiente)

Pensieri in bianco e nero (dal post pubblicato in aprile 2021)

Luci, ombre, suoni, silenzi in una bella istantanea di Beatrice Torre di Alghero, capace di evocare il sapore autunnale del pensiero chitarristico di don Allori

Il cielo imbronciato per sfondo, rami agitati dal vento che soffia dal mare, lampioni spenti in ferro battuto: uno scorcio di Alghero colto con occhio introspettivo da Beatrice Torre. Fotografa sempre attenta a catturare gli umori quotidiani del tempo e della vita algherese, tramite una “vecchia” macchina fotografica Minolta in questa immagine ci restituisce l’immediato di una normalità sempre accarezzata dal vento e dal suono delle onde del mare che s’infrangono sulla muraglia della bella cittadina catalana.

Un’immagine che sembra evocare pensieri nostalgici, malinconie di ritorno, delusioni d’una giornata, che contiene però anche la speranza sempre pronta a rinascere rinnovata.

I nitidi chiaroscuri di questa fortunata istantanea sollecitano il ricordo di belle cadenze musicali che risuonano nel cuore di chi ama la vita nonostante i suoi non sempre facili sentieri.

Chiaroscuri che richiamano sospiri inconfessati, desideri pulsanti, gocce di tempo da contemplare.

L’armonioso movimento di tutti gli elementi “raccolti” nell’immagine si traduce in gioia dell’io per la felicità delle cose naturali, ma anche per la fatica di dolorose esperienze esistenziali.

Ma il silenzio, che sembra “avvolgere” tutto quanto, diventa spessore dentro il tempo “fermato” in questo felice scatto di Beatrice Torre del 2019.

Audio:

Pietro AlloriVoci sommesse per chitarra AP 1257

Marta Meloni, chitarra

Nel 1972 don Allori, nel suo studio di via Satta a Iglesias, tra i tanti brani ideati per chitarra in quell’anno, compone un semplice pensiero musicale a due voci dal titolo Voci sommesse (AP 1257). 

Voci sussurrate, appena percepibili e udibili come se “in lontananza”. Due voci in dialogo in un clima di silenzio che incidono sulle nostre emozioni di fronte a un paesaggio suggestivo e mutevole come il lungomare di Alghero.

L’esile sonorità delle voci della chitarra sembra volersi aggiungere, in contrappunto, al continuo sciacquio che è costante sottofondo della vita di una città marinara come Alghero. Le due melodie calme e pizzicate riescono a mettere in vibrazione i sentimenti più riposti dell’animo. 

Melodie semplici che possono risvegliare un desiderio di silenzio interiore e che unendosi ai “fragili” rumori della natura ci invitano a riscoprire la vera semplicità della vita.

Don Allori, nel 1983, scriverà anche una versione pianistica di questo brano, sempre nella tonalità di la minore, a testimonianza che questo dialogo musicale a due voci era davvero nella scrittura delle sue personali emozioni. L’interpretazione chitarristica qui proposta è quella di Marta Meloni, che nel 2005 la replicò durante le esequie a Landau/Pfalz del prof. Wilhelm Krumbach, il grande musicologo e organista tedesco che ha tanto stimato la personalità e la musica di don Allori divulgando in tutta l’Europa, con la sua fine arte interpretativa, le più importanti pagine organistiche del maestro di cappella della cattedrale di Iglesias

Pubblicità

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Privacy e cookies – Informativa per i lettori

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com.
Utilizzando questa piattaforma, gli amministratori, i redattori e gli utenti visitatori sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookies erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio.
I dati raccolti sono visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non si ha accesso ai dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.

Proseguendo nella navigazione sul sito si acconsente all'utilizzo dei cookies.

Per maggiore approfondimento, per dettagli sui cookies o per bloccarne l'installazione, prendere visione della Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies.

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: